L’albero della legalità” è stato realizzato dalle dalle classi 3B e 3D PAS in occasione della “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”.

 
Il manifesto è l’esito di un progetto PCTO che ha coinvolto le due classi e Lo Spazio di Comunità “Il Giglio di Pescarenico.  Gli alunni hanno realizzato i fiori per contribuire ad un evento che sta diventando negli ultimi anni  una significativa consuetudine nella Città di Lecco: la“fioritura” di luoghi simbolici della comunità in occasione del primo giorno di Primavera che è anche il giorno che ricorda la data di  fondazione del “Giglio” sorto da un bene confiscato alla mafia e intitolato ad Emanuela Loi. 
Per evocare questa triplice rinascita, il 21 marzo balconi, cancelli, porte di casa, davanzali vengono addobbati da fiori di carta realizzati a mano da diverse realtà del  quartiere di Pescarenico: i nidi, le scuole per l’infanzia, le scuole primarie, il carcere, il centro diurno di psichiatria e altri soggetti associativi. Da quest’anno si aggiunge all’elenco anche l’Istituto Bertacchi. 
A causa dell’emergenza pandemica, i fiori realizzati non sono potuti fiorire nelle vie delle nostra città. Per questo motivo, si è pensato al manifesto de “L’albero della legalità”, un  collage di foto dei fiori prodotti dagli alunni. Sulla foglia di ogni fiore è scritto il nome di una donna vittima di mafia. Nomi spesso sconosciuti che affiorano alla memoria da un primavera che si schiude.